Il Fluoro è un elemento molto importante per la qualità dello smalto dei denti ma si deve fare attenzione non solo ad un ridotto apporto, ma anche ad una eccessiva ingestione. I primi otto anni di vita dei bambini rappresentano un periodo critico perché sono quelli in cui si forma lo smalto dei denti. I bimbi di 2-3 anni quando lavano i dentini non riescono a sciacquarsi bene e tendono ad ingoiare il dentifricio, quindi meglio usarne uno specifico per la loro età, che ha un corrispondente contenuto di Fluoro adeguato e metterne sullo spazzolino un quantitativo della grandezza di un pisello.

Se leggiamo le etichette dei prodotti alimentari ci rendiamo conto dei diversi quantitativi di Fluoro contenuti nei cibi: in particolare ne sono ricchi quelli a base di soia, cereali secchi, prodotti per bambini in polvere, bevande come il thè deteinato, succhi di frutta o uva, in particolare quelli prodotti in zone dove l’acqua è ricca di Fluoro. Una carenza di Fluoro causa la formazione di uno smalto poco resistente alle carie, un eccesso porta alla Fluorosi, macchie tendenti al marrone sulla superficie del dente, perciò fate queste valutazioni insieme al vostro pediatra prima di somministrate integratori al Fluoro  e comunque non prima dei 6 mesi di vita.