L’appuntamento col dentista non rappresenta di certo (per molti di noi) un incontro piacevole, ma nella maggior parte dei casi, seppur con una sensazione di disagio o paura, ci rivolgiamo a lui/lei per ricevere cure e consigli. Questo non accade, invece, per chi soffre di odontofobia, ovvero una vera e propria fobia per il dentista, un disturbo che è stato riconosciuto ufficialmente anche dall’OMS. Cosa è l’odontofobia e come si manifesta: entrando nel dettaglio del disturbo, possiamo collocare la fobia del dentista all’interno di quella categoria di disturbi fobici chiamati monofobie, vale a dire, sperimentare un’intensa paura, fino ad arrivare a veri e propri attacchi di panico, nei confronti di un evento, una situazione, un oggetto specifici. Nel caso dell’odontofobico, l’oggetto della paura è rappresentato dal dentista e tutto ciò che richiama lo studio del professionista (il trapano, l’ago, il rumore degli attrezzi ecc…).

La persona, seppur consapevole dell’irrazionalità della paura, non può fare a meno di provarla, al punto tale da arrivare a sperimentare sintomi quali tachicardia, sudorazione, senso di soffocamento, tremore, sensazione di svenire, fino ad arrivare a veri e propri attacchi panico.

Niente paura: lo Studio odontoiatrico Raffoni è sempre dalla vostra parte, ed in maniera indolore (grazie anche a tecniche come l’analgesia sedativa), risolverà al meglio le vostre patologie.